top of page

Come capire le caratteristiche della migliore erba legale

Molte persone pensano di poter distinguere l'erba di alta qualità da quella di bassa qualità, solo guardandola, ma ci sono sfumature che le persone non considerano. In questa guida, ti illustreremo ogni differenza e ti forniremo alcuni suggerimenti chiave su come capire le caratteristiche della migliore erba legale

Anche se tutti affermano che la loro erba è di alta qualità, potresti notare che il prodotto da te acquistato non sempre rispetta i requisiti per essere definito come tale. Per assicurarti di acquistare solo le cime migliori, è fondamentale che tu sappia riconoscere, fin da subito, la differenza tra cannabis premium e cannabis coltivata, curata e lavorata in maniera non adatta.

Per farti risparmiare tempo e renderti la cosa più facile, ti elencheremo i principali fattori che generano i parametri di qualità:

- Aspetto

- Consistenza

- Aroma

- Sapore

- Presentazione

Bassa qualità:

 

- Aspetto: cime tendenti al marrone, gialline , con colori spenti. I pistilli possono essere presenti, ma di un colore spento. Tricomi quasi assenti e bruni.

- Consistenza: spugnosa, bagnata, terreno perfetto per la proliferazione di muffe e patogeni dannosi.

- Aroma: aroma umido, sentori di ammonio, assenza di note esotiche distintive della genetice. ATTENZIONE! molte ditte utilizzano terpeni isolati per camuffare l'odore. Se si sente un odore troppo forte o con assenza di toni erbacei, evitare assolutamente.

- Sapore:  quasi assente o troppo forte (utilizzo di terpeni artificiali)

- Presentazione: il packaging non è solo design, ma presta l'attenzione anche sulla conservazione del prodotto. Se il prodotto acquistato si trova in buste di carta, evitate, se si trova in barattoli di plastica, verificate che siano compatibili per l'uso alimentare.

La cannabis di bassa qualità è il frutto degli imprenditori agricoli nati in Italia che pensano solamente al guadagno, producendo enormi quantitativi di infiorescenze di bassa qualità che a loro volta vengono svendute ai vari grow shop presenti in Italia. Quest'ultimi acquistano un prodotto coltivato senza standard etici da parte dei coltivatori, che utilizzano pesticidi, fitofarmaci e suoli contaminati da metalli pesanti e residui chimici. Generalmente sono infiorescenze che non vengono seccate in locali che non rispettano le normative HACCP e successivamente pulite e curate con mezzi e strumenti di fortuna recuperati con poco badget. Un' esempio lampante di questi processi è:

-coltivazione in pieno suolo non analizzato

- utilizzo di pesticidi e antifunginei

- raccolta rapida contaminando la pianta dal terreno sottostante

- essiccazione in locali scarsamente igienici senza controllo sull'umidità e muffe

- pulizia con mezzi sporchi, senza utilizzo di indumenti di protezione

- conservazione in contenitori di cartone (come sacchetti del pane e simili) e contenitori che trattengono impurità

- assenza di analisi post produzione

Questa cannabis inoltre non proviene da genetiche speciali selezionate e coltivate dall'azienda stessa.

La provenienza, infatti, è dubbia e le "genetiche" vengono prodotte in larga scala e svendute tra aziende e aziende come talee pronte alla coltivazione.

Generalmente i nomi sono:

- Harlequinn

- Bz1

- Lemon

- Caramel

- Cannatonic

- Strawberry

- Fragolina

- Diesel

Nonostante siano parecchi nomi, in realtà si tratta sempre delle solite 3 o 4 genetiche riproposte con nomi diversi per suscitare professionalità e ricerca.

C'è anche da aggiungere, che spesso, i grow shop che ricevono e acquistano una tipologia di genetica, le cambiano il nome in uno più accattivante. 

Esempio:

- Acquisto di 1kg di "Fragolina" a 200 euro (eh si, questi sono i prezzi di un prodotto di qualità) - rivenduta come "California Haze" a 6000 euro al kg.

E purtroppo abbiamo visto anche casi dove una genetica è diventata due genetiche, tre.. e nel corso del tempo veniva rinominata con altri nomi diversi, per suscitare nuove genetiche fresche.

Facendo ciò, si crea un rapporto di sfiducia con il cliente, arrivando a perderlo e a generare una sensazione di brutto rapporto con tutto il settore della cannabis legale in Italia.

FERMO!

Ci sono anche realtà dove la cannabis viene coltivata, cresciuta e curata come si deve.

Alta qualità: